Storia

   La Nostra Storia  

L’azienda agricola Clementina nasce 10 anni fa da un’intuizione di Massimo Grugni di coltivare in Lombardia piccoli frutti. L’azienda è situata ad Abbiategrasso alle porte del Parco del Ticino e copre una superficie di 10 ettari. Le coltivazioni di piccoli frutti, lamponi, more e mirtilli viene fatta in filari sotto ombrai. In azienda è presente anche una serra per la coltivazione delle fragole, che garantisce fino a quattro raccolti annui.
 

Con il passare degli anni le tecniche colturali si sono sempre più affinate fino a ottenere una produzione di circa 35 quintali di piccoli frutti e 9 quintali di fragole. Un’altra attività molto importante della nostra azienda è la produzione di miele. Le 12 arnie garantiscono una produzione di miele di circa 8 quintali suddiviso tra Acacia e Millefiori.

La produzione avviene nel laboratorio aziendale, situato al piano terra del corpo centrale, attorno a cui ruota tutta la vita dell’azienda. Il laboratorio è dotato di macchinari all’avanguardia che permettono di ottenere prodotti di altissima qualità; ogni operazione è eseguita, da operatori esperti, nel rispetto della normativa sull’H.A.C.C.P. - Regolamenti CE 852/04 e 178/02. 

La frutta è raccolta e portata subito nel laboratorio, dove è sottoposta alle fasi di pulizia e mondatura. Una parte è destinata alla vendita del fresco e una parte è trasformata in conserve e succhi di frutta.

La particolare tecnica di cottura sottovuoto consente di ottenere prodotti di altissima qualità che mantengono inalterate le proprietà organolettiche della frutta fresca. La frutta che non è subito utilizzata per la trasformazione è sottoposta ad abbattimento e poi conservata nella cella frigorifera in attesa di essere utilizzata.

 

Nel 2014 l'Azienda Agricola Clementina si rinnova inserendo nel suo organico un Tecnico Erborista, che si occupa della produzione di tisane ed estratti vegetali. Il nuovo progetto comprende l’impianto di una nuova coltivazione di piante officinali e aromatiche nel nuovo campo che è identificato con il Mappale 259 foglio1.

 

Per la realizzazione di queste nuove colture abbiamo chiesto la collaborazione di un esperto agronomo, il Dr. Primavera presidente della FIPPO (federazione italiana produttori piante officinali).

0